L’antidoto contro la dipendenza da social media

Ho a che fare con i social media cinque giorni su sette per lavoro… ma poi… eeeh sì, poi cambia poco perché essendo questo per me un contesto appassionante, mi ritrovo ad utilizzare questi diabolici strumenti anche nei ritagli del mio tempo libero, per diletto.

Ormai rispondere alle notifiche che arrivano sul mio Samsung Galaxy, è diventata un’abitudine inconscia, che siano legate a mail,  Twitter, Facebook, Google+, Linkedin, Foursquare, Pinterest, blog o altro non fa differenza.

Mi rendo conto però di non essere il solo a “soffrire di questa dipendenza”. Il mondo infatti come è noto, si evolve e la vita digitale irrompe su ognuno di noi.

Poco fà leggevo l’articolo di @netpropaganda che mostrava come perfino  in spiaggia si fa tutto il possibile affinché si possa rimanere sempre connessi; certe volte è un bene, ma altre volte invece…. è fondamentale staccare, anche solo per un po’.

Per far questo occorre un antidoto, una vera terapia d’urto, vale a dire… scappare! 🙂

Io per esempio l’altro giorno sono stato in un posto qui in Valfurva veramente molto affascinante e sfido qualsiasi compagnia telefonica a portarvici il segnale dati 😉

Si tratta del rifugio Pizzini a 2.706 mt di altitudine.

Una gran bella passeggiata fra torrenti, piccole cascate, mucche, marmotte e panorami bellissimi. E’ possibile arrivare a destinazione anche facendosi dare un passaggio (a pagamento) dalle Jeep del posto.

Ma il bello è che una volta a destinazione, quando il mio inconscio ha cercato lo smartphone, ecco il simbolino benefico che mi si è presentato davanti agli occhi.

Spento dunque il device mobile e messo nello zaino, mi sono goduto il panorama dandoci dentro con un buon panino di segale ripieno di prosciutto e formaggio.

Ecco qui alcune delle foto che ho scattato sul posto:

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Una volta rientrato a casa mi sono ricordato di avere una vita digitale intorno alle 17.00h del pomeriggio… mica male 😉

Il rifugio Pizzini è solo uno dei tanti posti d’Italia dove è possibile uscire completamente dalla routine quotidiana e staccarsi completamente dal 3G… dopo ci si sente più leggeri… fino a quando non arrivano tutte le notifiche arretrate 😉

Conoscete altri luoghi italiani altrettanto (o maggiormente) affascinanti che vi permettono di staccare dalla social media life? Andateci e condivideteli!… il giorno dopo però eeeh 😛

Commenta

Questa voce è stata pubblicata in Pensieri miei e contrassegnata con , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.
  • Alessandra ha detto:

    Caro, a me basta andare dai miei suoceri a poco + di 1 ora da Mi e sono fuori dal mondo… Anche il telefono ha grossi problemi di ricezione… Ma in quel caso non mi sento libera per niente!!!

  • Aiuwa ha detto:

    Ciao Alessandra, devo dire che te li sei scelti proprio bene i tuoi suoceri 😉 Prova a sollecitare Telecom affinché si diano una mossa… le ragioni sono più che valide 🙂 Buona notte