Linea dati e le falle dei gestori telefonici

Anche quest’anno sono tornato in Abruzzo a Rapino con l’intenzione passare una settimana in totale relax nel Parco Nazionale della Majella.

Inutile dire che pacchia può rappresentare il mio terrazzo dal quale è possibile godere di una gran bella vista panoramica: mare a sinistra, colline di fronte, montagna a destra, cielo stellato in alto e musiche di feste paesane in sottofondo. Apro il mio lettino, leggo un buon libro sorseggiando una birretta e nessuno mi smuove più 😉

In alternativa mi piace prendere il mio MacBook collegarmi ad Internet ma… mi accorgo che anche quest’anno la linea dati fornitami da TIM (Telecom Italia Mobile) per la modica cifra di 10 Euro ogni 40 ore mensili è rimasta al terzo mondo digitale. Vedere per credere.

Tengo a precisare che il problema non è solo mio anzi, ad alcuni non è ancora arrivata la normale linea ADSL (anche se questi in effetti vivono un po’ più isolati rispetto al resto degli abitanti del paese).

La linea strategica di Telecom sulla banda larga l’abbiamo capita anzi, ce l’hanno confermata loro stessi pochi giorni fà, ma almeno potrebbero impegnarsi a tappare le falle; mi sembra il minimo, no?

Ma se TIM piange, Vodafone di certo non ride.

Pago a quest’ultima 3 Euro settimanali per la sola linea dati (con limite dei 250 MB) e questa qui sotto è la schermata che si presenta sul display del mio Samsung Galaxy qundo giro da queste parti

Ma come è possibile che in tutti questi anni non sia stato fatto un passo in avanti per effettuare anche una minima miglioria? Eppure non siamo in una landa desolata o in una gola impervia; ecco qualche foto fatta da casa mia a dimostrazione che gli spazi aperti non mancano

 

 

 

 

Pur non essendo una metropoli, Rapino conta circa 1.500 anime. Allora perché questa arretratezza?

Speriamo nell’anno prossimo…. magari con un altro gestore telefonico 😉

 

Commenta

Questa voce è stata pubblicata in Pensieri miei e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.